L’acqua di rete

Sapevi che l'acqua del rubinetto può essere bevuta in tutta tranquillità?
Sì, perché l’acqua di rete distribuita da BrianzAcque è:

Di Qualità

Offre una giusta dose di sali minerali e sostanze disciolte, nel pieno rispetto della normativa in vigore.

Controllata e sicura

È sottoposta a controlli accurati, eseguiti dai laboratori aziendali e dalle ATS competenti per garantire una totale sicurezza igienica. I laboratori interni di BrianzAcque si avvalgono di strumentazioni tecnologicamente avanzate e di tecnici abilitati mediante confronti ripetuti con un circuito di 140 laboratori, sparsi nel mondo. Tutto il processo analitico è certificato da Accredia (Ente unico nazionale di accreditamento), un marchio che rappresenta una garanzia aggiuntiva per il cittadino-utente e che rende il settore dei laboratori, una delle principali eccellenze aziendali di BrianzAcque.

Potabile

Si definisce potabile l’acqua che rispetta un preciso standard di qualità. In passato, invece, si dava per scontato che per essere potabile, l’acqua non dovesse essere inquinata da sostanze “estranee”. Oggi, si ammette questa possibilità a condizione che la quantità di inquinanti non superi la soglia di rischio. Potabile non significa pura, ma “ non dannosa per la salute”.

Sottoposta ad analisi periodiche

Squadre di tecnici effettuano periodicamente prelievi dai pozzi e dalle reti di distribuzione e i campioni vengono analizzati in laboratorio il prima possibile.

Chiara e trasparente

Vuoi conoscere i valori dell’acqua nei comuni serviti da Brianzacque? Vai su www.brianzacque.it